Collezioni

LA COLLEZIONE DI FOTOGRAFIA CONTEMPORANEA

Di proprietà di Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, la collezione che Fondazione Fotografia Modena cura e gestisce comprende oltre un migliaio di opere che documentano gli esiti delle ricerche artistiche condotte nel campo dell’immagine, in particolar modo dagli anni Novanta in poi.
Implementata a partire dal 2007, la collezione (sezione italiana e interna¬zionale) comprende opere fotografiche e multimediali di oltre 122 artisti e fotografi provenienti da tutto il mondo.

Tra i lavori più significativi vi sono quelli di artisti di fama mondiale come: Yto Barrada, David Goldblatt, Amar Kanwar, Tom Sandberg, Wael Shawky, Dayanita Singh, Mladen Stilinović, Hiroshi Sugimoto, Wolfgang Tillmans, Akram Zaatari, Artur Żmijewski e Gillian Wearing.
La collezione presenta anche un nucleo importante di opere dedicato ai grandi maestri americani della fotografia del Novecento, tra cui Ansel Adams, Diane Arbus, Richard Avedon, Robert Frank, Lee Friedlander, Irwin Penn, Stephen Shore, Edward Weston e Garry Winogrand.
Nella sezione italiana sono presenti alcuni degli autori di riferimento della foto¬grafia italiana dagli anni Settanta ad oggi, tra cui Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Luigi Ghirri, Franco Fontana, Mimmo Jodice e Walter Niedermayr. A questi sono affiancate numerose opere di artisti delle ultime generazioni.

GLI ARCHIVI DI FOTOGRAFIA STORICA

Oltre alla collezione di fotografia contemporanea, Fondazione Fotografia Mo¬dena gestisce un ricchissimo patrimonio di fotografie storiche che costituiscono un’importante risorsa per la ricerca.
La collezione storica di proprietà della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena è rappresentata da cinque fondi fotografici che datano dal 1863 agli anni Cinquanta del Novecento per un totale di oltre 114.000 immagini realizzate da fotografi modenesi, oltre a un importante archivio di oltre 10.000 negativi sulla Biennale d’Arte di Venezia, dal 1948 al 1986.
Inoltre, grazie all’attività di deposito e tutela della fotografia storica ereditata dall’ex Fotomuseo Panini (attivo a Modena dal 1997 al 2012), Fondazione Fo¬tografia Modena può contare su un patrimonio di oltre 1.500.000 fotografie di proprietà di enti pubblici e collezionisti privati che documentano l’attività foto¬grafica del territorio modenese.

I SERVIZI PER LE COLLEZIONI FOTOGRAFICHE

Strettamente connesse con l’attività di deposito sono le attività di conservazione, restauro e catalogazione svolte dal personale specializzato della Fondazione.
Di estrema importanza per preservare e valorizzare le collezioni fotografiche sia storiche che contemporanee, queste attività sono disponibili anche per enti e privati, tramite apposite convenzioni.

LA CATALOGAZIONE

Fondazione Fotografia Modena segue tutte le fasi dello studio dei fondi fotografici — dall’inventariazione alla digitalizzazione, alla catalogazione — seguendo gli standard ministeriali della scheda F (scheda per le fotografie). Le schede, che abbinano i dati alla riproduzione digitale dell’immagine, sono rese disponibili alla consultazione direttamente sul sito della Fondazione, o su quello dell’ente convenzionato, facilitando la ricerca anche per i non addetti ai lavori.

LA CONSERVAZIONE

Tutte le fotografie, contemporanee e storiche, sia di proprietà che depositate presso la Fondazione Fotografia Modena, sono conservate secondo gli standard ministeriali in archivi climatizzati con temperatura e umidità controllate.
Il condizionamento è solo una delle procedure svolte per la conservazione: ad esso si associano anche i controlli climatici e di illuminazione delle sedi espositive, così come la preparazione delle fotografie per le esposizioni (passe-partout conservativi, imballi, condition report) o le operazioni di pulizia e di inserimento in imballi conservativi adatti allo stoccaggio.

IL RESTAURO

Fondazione Fotografia Modena svolge internamente e offre al pubblico un servizio di restauro di originali fotografici (negativi e positivi) che necessitano interventi di pulitura, consolidamento e spianatura, per ripristinare le condizioni ottimali per la stabilità dell’oggetto.

LE DONAZIONI E I DEPOSITI

Attraverso donazioni o accordi di deposito è possibile collocare le proprie fotografie all’interno degli archivi climatizzati di Fondazione Fotografia Modena, nonché farle catalogare, rendendole disponibili per la consultazione sia in sede che attraverso il sito della Fondazione o del proprietario. In questo modo si garantisce una corretta conservazione del materiale fotografico e, su richiesta, una fruizione da parte del pubblico più ampio.

FMAV
Cerca nel sito